Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione accetti il nostro utilizzo dei cookies.

Accetto
Mr Food
Marco Pierre White, la vita dannata di uno chef stellato

categoria: libri-e-video


Bello e dannato, un'accoppiata vincente. E se pensate che questo cliché sia un po' abusato, sappiate che non è vero. Si è aggiornato, piuttosto, passando dai divi di un tempo - attori, cantanti, sportivi - alle star di oggi, gli chef...

E Marco Pierre White bello e dannato lo è davvero, o almeno lo sembra. Di fatto è proprio questo il leit-motiv della sua autobiografia, pubblicata da Giunti con il titolo di The devil in the kitchen, ovvero "La vita dannata di uno chef stellato"

Una vita tutta da raccontare, non c'è dubbio, visto che White viene considerato tra i fondatori della cucina moderna, nonché il primo chef ad assurgere al ruolo di celebrità e il più giovane ad aver ricevuto tre stelle Michelin

Nato a Leeds nel 1961, di sangue mezzo inglese e mezzo italiano, ha creato un vero impero internazionale di ristoranti - tra i suoi allievi troviamo anche Gordon Ramsay ed Heston Blumenthal - prima di dedicarsi essenzialmente alla carriera televisiva: White ha segnato un'epoca della ristorazione, quella degli anni Ottanta e Novanta e proprio il sapore e la storia di quegli anni rappresentano il succo di questo libro, con tutte le sue ombre e le sue luci

Marco Pierre White
The devil in the kitchen
Giunti, 24 euro

CERCA
L'AGENDA DI MR. FOOD

8° Gelato Festival - Finale europea
L'evento più goloso dell'anno
Torino, 14-17 settembre 2017
www.gelatofestival.it

11° Cheese
Le forme del latte
Bra (CN), 15-18 settembre 2017
cheese.slowfood.it/

19° I primi d'Italia
Il festival per tutti i gusti
Foligno (PG), 28 settembre-1 ottobre 2017
www.iprimiditalia.it
Vedi tutti gli appuntamenti
FACEBOOK
Editore Motoperpetuopress srl, via Giovanni Severano 5, 00161 Roma - Tel. 06.44.20.25.96 - Fax 06.44.25.44.26 - PI 07896411001 - www.motoperpetuopress.com
Registrazione Tribunale di Roma n. 403/2008 del 20/11/2008 - Direttore responsabile: Stefano Belli - DISCLAIMER